Sul “Padre nostro” (1)

«Padre nostro, che sei nei cieli…»: chi non conosce questa preghiera? È la preghiera-modello che Gesù insegnò ai discepoli quando essi gli chiesero: «Signore, insegnaci a pregare», e tutti l’abbiamo prima o poi recitata e/o sentita recitare. Diciamo recitare perché, in effetti, si è abituati ad una ripetizione mnemonica, quasi meccanica. Non vogliamo dire che sia in assoluto vietato ripetere quell’esempio di orazione così com’è; sicuramente, però, non era questo ciò che Gesù stava insegnando, come è dimostrato da alcuni fatti. Innanzi tutto, nel Nuovo Testamento troviamo molti casi di preghiere fatte da Apostoli e Cristiani in genere, ma mai una volta vediamo qualcuno di loro dire il “Padre nostro” a memoria, frase per frase, parola per parola; troviamo piuttosto varie preghiere (semplici, profonde, ricche e concise al tempo stesso), sempre diverse, adattate alle circostanze, modellate sulle esigenze del momento. Gesù, insomma, ha insegnato un modo di pregare, e non una filastrocca, una tiritera, così come viene spesso proposta (non di rado, anche ripetendola varie volte di seguito e senza pensare più di tanto a ciò che si dice, come se le parole avessero in sé una sorta di potere magico). D’altronde, se la vera preghiera è dialogo fra un figlio (il Cristiano) e il proprio Padre celeste, ve lo immaginate un figlio che, quando si avvicina al padre, gli ripete sempre le stesse frasi imparate a memoria? Lo avete mai fatto con vostro padre? E che direste se lo facesse con voi vostro figlio? Un vero dialogo è fatto di frasi sentite, chiare, partecipate, spontanee, che sgorgano dal proprio cuore in modo ragionato e naturale al tempo stesso (perché «la bocca parla dall’abbondanza del cuore»:Matteo 12:34), sempre poste in rapporto alle situazioni contingenti, che non sono mai una uguale all’altra. D’altronde, lo stesso Gesù ha detto: «Nel pregare, non usate inutili ripetizioni come fanno i pagani…» (Matteo 6:6).

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

LEGGI ANCHE

Luoghi comuni

“… e vieni in una grotta?”

Il presepe, Gesù bambino nella grotta. Chi può togliere questa rappresentazione (celebrata anche da un famoso canto natalizio) dall’immaginario popolare, dopo tanti secoli? Già dal

Leggi Tutto
Luoghi comuni

I magi d’Oriente

Sembrerà strano, ma i Magi non erano necessariamente tre. La Bibbia non ne specifica il numero, e quindi ogni tentativo in questo senso (nel corso dei secoli

Leggi Tutto
Luoghi comuni

“…un Apocalisse!”

Nel linguaggio comune, il termine apocalisse – come riporta anche il Vocabolario Zingarelli – viene usato per designare una catastrofe, un disastro totale, e apocalittico sta di conseguenza per “disastroso, funesto,

Leggi Tutto