Il Dio dei morti o dei viventi?

Nel Vangelo di Matteo, al capitolo 22, versetti dal 23 al 33, l’Evangelista riporta uno scambio di battute fra Gesù ed alcuni che non credevano alla prosecuzione della vita umana dopo la morte fisica. Il Signore rimproverò tali persone (dicendo loro che, di fatto, non conoscevano né le Sacre Scritture né la potenza di Dio) e, con semplicità ed efficacia, citò uno dei tanti passi biblici in cui Dio si autodefinisce “il Dio di Abramo, il Dio di Isacco e il Dio di Giacobbe” (Esodo 3:6).

Abramo, Isacco, Giacobbe (rispettivamente nonno, figlio e nipote) furono i primi tre capi-famiglia nel-la lunga genealogia del popolo d’Israele, cioè il popolo di Dio al quale (nella linea di discendenza iniziata dai suddetti patriarchi) è appartenuto anche il Cristo (tale genealogia è riportata al capitolo 1 del Vangelo di Matteo). Ora – ragionò Gesù -, se Dio si fa chiamare loro Dio anche tanto tempo dopo la loro morte, ciò significa che la vita umana perdura nell’aldilà (perché “Dio non è il Dio dei morti, ma dei viventi!”) e che, come la Bibbia annuncia, un giorno (dopo il Giudizio, nella risurrezione) Dio darà agli uomini un nuovo corpo, atto a vivere in una diversa dimensione (infatti, secondo Gesù, nella vita futura i salvati “saranno in cielo come gli angeli di Dio”). Abramo, Isacco e Giacobbe, vissuti sulla terra molti secoli prima del Vangelo, esistevano ancora (non sulla terra) ai tempi di Cristo, e sono vivi ancora oggi, e ciò vale per tutti i trapassati d’ogni tempo!

Si noti che le persone che non credevano a tutto ciò, nel contesto di Matteo, erano dei “religiosi” molto conosciuti ed accreditati, e si ritenevano tali anche più di altri. Non è paradossale? Eppure, capita spesso anche oggi…

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

LEGGI ANCHE

Attualità

Per diventare cristiano devo fare qualcosa?

Il pensiero comune è che cristiani si nasce, come si trattasse di un diritto acquisito. Secondo il Nuovo Testamento, però, al cristianesimo si arriva dopo un percorso che inizia con un’attenta lettura del Vangelo e…

Leggi Tutto
Attualità

Il senso della vita

Abbiamo ancora tempo per domandarci: “Che senso ha la mia vita? Quali sono i miei obiettivi? Dove andrò dopo la morte?”. Un antico re d’Israele, Salomone, figlio di Davide, circa tremila anni fa ci ha trasmesso le sue considerazioni (scritte nel libro dell’Ecclesiaste), che sono vere e proprie perle di saggezza, valide per gli uomini di ogni tempo e luogo.

Leggi Tutto
Attualità

Chi bestemmia avvelena anche te

Questo gesto maleducato e irriverente verso Dio e i suoi credenti, è molto diffuso in Italia, e spesse volte diventa anche contagioso. Ma non disperiamo, perché è possibile contribuire a un’inversione di tendenza!

Leggi Tutto