La Chiesa di Cristo e la Verità

 «Ti scrivo queste cose sperando di venir presto da te, affinché tu sappia, nel caso che dovessi tardare, come bisogna comportarsi nella casa di Dio, che è la chiesa del Dio vivente, colonna e sostegno della verità» (1ª Lettera di Paolo a Timoteo 3:14-15).

Difficile è la vita del cristiano secondo il Nuovo Patto stabilito da Dio in Gesù di Nazareth. Il mondo di oggi, con la sua filosofia posticcia e a buon mercato, con la sua superficialità di giudizio, con l’ignoranza della Parola del Signore, ritiene diversamente, sicché pare che nel cristianesimo, in fin dei conti, tutto si riduca a non fare del male al prossimo, a non violare le leggi e a rimettere alla bontà divina l’esito della propria vita. Questo modo di pensare è assai pericoloso ai fini della salvezza. Infatti, chiunque dotato di un’infarinatura scritturale e di un minimo di buon senso non farà fatica a comprendere quanto diverse siano le cose sotto l’aspetto biblico. Qui cade a proposito un commento istantaneo a 1ª Timoteo 3:14-15.

Ti scrivo queste cose.

Lo Spirito ha disposto la rivelazione divina nella Sacra Scrittura. L’immutabile Vangelo di Gesù (Galati 1:6ss.) è indispensabile per la salvezza del credente (Romani 1:16s; 2ª Timoteo 3:16ss.). Badando a se stesso e all’insegnamento, nonché perseverando nelle cose di Dio, il cristiano salverà se stesso e coloro che lo ascoltano (1ª Timoteo 4:16).

Sperando di venire presto da te.

Occorre notare che il Signore non ha mai lasciato soli i credenti (Matteo 28:18-20). Attraverso gli scritti apostolici e la vera fede (Efesini 3:17), Gesù è sempre presente presso di noi: quando egli bussa, lasciamolo entrare perché ci faccia compagnia (Apocalisse 3:20). Egli viene a noi ogniqualvolta lo invitiamo.

Affinché tu sappia.

La conoscenza delle cose di Dio è necessaria per ottenere la salvezza in Cristo Gesù. Purtroppo, il mondo non apprezza l’immensità dei tesori della conoscenza di Gesù (Colossesi 2:3). È beato chi sa le cose divine e le mette in pratica (Giovanni 13:17). In Matteo 22:29 Gesù dice che sbaglia chi non conosce né le Scritture né la potenza di Dio.

Nel caso che dovessi tardare.

Il Signore non abbandona mai chi lo segue e ama con tutto il cuore. Ritardi e difficoltà possono risolversi nella pazienza, nell’umiltà, nella fede, soprattutto nel ricordo dei sacrifici di nostro Signore. Tutto a suo tempo e a suo modo. Senza fretta e impazienza. Dio provvede al nostro benessere spirituale.

Come bisogna comportarsi.

Poniamo l’accento sul verbo “bisogna” qui impiegato da Paolo: nella Chiesa ci si comporta non secondo l’opzione o il desiderio personale, ma secondo i comandamenti divini rivelati dallo Spirito Santo.

Nella casa di Dio.

Quale stupenda affermazione di comunione e amore da parte di Dio! Noi ­ che non eravamo nella sua grazia, ma immersi nei peccati del mondo (Colossesi 1:21; Efesini 2:1-10) – abbiamo (per la sua benevolenza in Cristo verso di noi peccatori, per la nostra fede in Cristo e per la nostra ubbidienza a Cristo) avuto accesso a quella cittadinanza celeste (Filippesi 3:20; 2ª Pietro 1:4), che esige comportamenti del tutto adeguati alla celeste ed unica chiamata (Filippesi 1:27; Efesini 4:5; 2ª Tessalonicesi 2:14). La Chiesa è la famiglia di Dio (1ª Timoteo 3:5; Efesini 2:19).

Che è la Chiesa del Dio vivente.

La Chiesa è il tempio dell’Iddio vivente (2ª Corinzi 6:16; 1ª Corinzi 3:16; Efesini 2:21-22), il corpo dei salvati (Atti degli Apostoli 2:47) che si raccolgono nel nome del Signore Gesù alla gloria del Dio (Efesini 3:21) che vive in eterno (1ª Timoteo 6:16). Facciamo attenzione all’esortazione dello Spirito Santo: «fratelli, badate che non ci sia in nessuno di voi un cuore malvagio e incredulo, che vi allontani dal Dio vivente» (Ebrei 3:12).

Colonna e sostegno della verità.

La verità è la Parola di Dio (Giovanni 17:17; 14:16; 18:37: Efesini 4:21), la fede (Giuda 3), il vangelo di Gesù (Galati 2:14: Efesini 1:13; Colossesi 1:15). La Chiesa, essendo corpo di Cristo, non ha alcuna verità da proporre, ma soltanto la verità che procede dal suo capo, Cristo Parola di Dio (Giovanni 1:1,2,14-18). La Chiesa di Cristo è colonna (greco: stylos) e sostegno (greco: edràioma) della verità nel senso che la verità di Dio è alle sue fondamenta e deve rimanervi inalterata sino alla fine dei tempi: occorre custodire il sacro deposito affidato da Dio ai credenti (1ª Timoteo 6:20; 2ª Timoteo 1:14).

Arrigo Corazza

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

LEGGI ANCHE

Articoli Biblici

Il ritorno di Cristo

Il Nuovo Testamento insegna che Gesù tornerà alla fine della storia di questo mondo. Questo articolo contiene le informazioni bibliche essenziali al riguardo, fissando alcuni punti affiancati dai versetti tratti da Vangeli, Atti degli Apostoli, Lettere apostoliche, Apocalisse.

Leggi Tutto
Articoli Biblici

La resurrezione: una speranza viva.

Qual era la speranza dei cristiani in epoca apostolica? La stessa che dev’essere oggi, perché rifarsi, dopo due millenni, alle radici della fede in Cristo, non è un esito nostalgico, ma un atto di fede che si fonda su una attenta lettura del del Nuovo Testamento.

Leggi Tutto
Articoli Biblici

La Chiesa di Cristo

Ritornare al vero Cristianesimo è possibile! Il Nuovo Testamento ha come argomento centrale il seguente: Gesù Cristo è morto e risorto per il perdono dei peccati dell’umanità; coloro

Leggi Tutto
Articoli Biblici

Croce e risurrezione: la via per l’eternità.

Torture e condanna a morte tra dolori atroci, ma poi la resurrezione! Gesù Cristo ha fatto questo percorso per aprirci la strada dell’eternità con Dio. E’ la vera opportunità della nostra vita: perché non coglierla?

Leggi Tutto