«Gesù è di tutti!». Oppure no?

Lo spunto per questo articoletto ci è stato offerto da un dibattito televisivo. Uno dei partecipanti ha fatto un’affermazione su cui non potevamo non soffermarci, e non ha alcuna importanza quali fossero il canale, la trasmissione e gli opinionisti di turno: basti dire che mentre si parlava di diversi stili di vita – in particolare di scelte morali, sessuali e di genere –, per rispondere a chi aveva provato a proporre di considerare il punto di vista del Vangelo, e dunque quale sia la posizione di Gesù, Figlio di Dio, un interlocutore ha esclamato in modo alquanto agitato e sprezzante: «Ma che cosa vuoi che gliene importi al Figlio di Dio delle nostre opzioni sessuali e di genere?!?»; un altro, poi, seppure più calmo e gentile, ha affermato perentoriamente: «Io non sono credente e non ho mai letto il Vangelo né, in generale, la Bibbia, ma so una cosa per certo: che Gesù è di tutti, a prescindere dalle nostre scelte».

In realtà, dal punto di vista biblico è arduo trovare due affermazioni più sbagliate di queste. Ecco perché…

Prima di tutto, secondo la Bibbia il nostro modo di essere e di comportarci a Dio importa, eccome! Egli ha chiaramente espresso che cosa ritiene giusto o sbagliato ed ha posto dei comandamenti che sono validi – eccome! – anche per ogni nostra scelta di vita che rientri nell’ambito della sessualità, nel senso più ampio del termine. Se vogliamo le risposte delle Sacre Scritture circa essere maschi o femmine, oppure in merito a matrimonio e divorzio, adulterio e fornicazione, eterosessualità e omosessualità, e così via, basta cercarle e le troviamo. Non ha senso, dunque – e ciò vale in generale – dire di non aver mai letto un Vangelo e ritenersi al tempo stesso tanto sicuri nel proporre una (presunta) verità su Gesù. Prima si legga e si studi la Parola di Dio, e poi ci si esprima su di essa!

«Gesù è di tutti» è un’affermazione al tempo stesso vera e falsa: dipende come la intendiamo, e non c’è niente di peggio dell’ambiguità, se cerchiamo la verità! L’affermazione è vera se intendiamo che Gesù si è fatto uomo per tutti, ha parlato ed agito per tutti ed è morto, risorto e asceso al Cielo per tutti, nel senso che ha voluto mettere la salvezza a disposizione di tutti, dare un’opportunità di redenzione e di vita eterna a chiunque la voglia cogliere; ma è profondamente falsa se vogliamo far intendere che per essere in comunione, ossia in sintonia con Dio, e dunque per essere accolti e salvati da lui, non esistano condizioni.

Nel Vangelo di Giovanni 3:16 troviamo scritto: «Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna». Il proposito di Dio è chiarissimo, dunque: l’opera redentrice di Gesù è a disposizione di tutti. Tuttavia, abbiamo appena letto una condizione («chiunque crede in lui») che peraltro il v. 36 dello stesso capitolo esplicita ancora meglio: «Chi crede nel Figlio ha vita eterna, ma chi non ubbidisce al Figlio non vedrà la vita, e l’ira di Dio rimane su di lui». È altrettanto chiaro, dunque, che l’opportunità per tutti diventa concreta accoglienza da parte di Dio, e dunque salvezza, solo per chi ricerchi e pratichi la fede e l’ubbidienza alla sua Parola. Ecco perché nel Vangelo di Matteo 7:13-14 e 22:14 Gesù avverte: «Entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono coloro che entrano per essa. Quanto stretta è invece la porta e angusta la via che conduce alla vita! … Perché molti sono chiamati, ma pochi gli eletti».

In conclusione, per porgere un solo esempio fra i numerosi possibili, e per citare un caso che più o meno ricordano un po’ tutti, quando Gesù salvò la donna adultera da chi la voleva condannare, le disse: «Va’ e non peccare più» (Vangelo di Giovanni 8:11). Come dire: Io ti salvo, ti perdono, ma tu, cambia modo di vivere, smetti di peccare se vuoi che io continui ad essere con te. Perché a Gesù interessano le scelte che facciamo e come ci comportiamo, ben sapendo che le nostre scelte e i nostri comportamenti sono decisivi, nel bene o nel male, per il nostro destino eterno. Gesù è di tutti coloro che lo seguono: «Voi siete miei amici, se fate le cose che io vi comando». Conosciamo veramente questo Gesù, il Gesù del Vangelo?

Valerio Marchi

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

LEGGI ANCHE

Attualità

Natale: festa cristiana?

Natale festa di famiglia: lo conferma il detto «Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi». Regali, Babbi Natale, centri commerciali presi d’assalto, luci, addobbi,

Leggi Tutto
Attualità

Il senso della vita

Abbiamo ancora tempo per domandarci: “Che senso ha la mia vita? Quali sono i miei obiettivi? Dove andrò dopo la morte?”. Un antico re d’Israele, Salomone, figlio di Davide, circa tremila anni fa ci ha trasmesso le sue considerazioni (scritte nel libro dell’Ecclesiaste), che sono vere e proprie perle di saggezza, valide per gli uomini di ogni tempo e luogo.

Leggi Tutto
Attualità

Il valore della (vera) famiglia

Nel contesto delle spesso agitate discussioni intorno agli argomenti di cui si parla di seguito, vogliamo pubblicare una lettera, scritta da un appartenente alla nostra

Leggi Tutto